Amici di Franchetti

Dopo essermi occupato in maniera intensiva di Alberto Franchetti ho dovuto riconoscere che il suo caso non riguardava quel genere di artista per il quale è possibile soltanto effettuare tale o talaltra più o meno lodevole riscoperta, se non riesumazione. Con stupore e inquieta meraviglia ho realizzato che Franchetti era un grande compositore su cui, complice non ultimo il divieto di esecuzione decretatone durante il fascismo, era scesa la condanna all'oblio. In tutta la storia della cultura non mi è noto nessun altro artista che dopo aver festeggiato ben tre meritati trionfi mondiali sia finito nel dimenticatoio dell'umanità. La Germania avrebbe certo il dovere morale di sostenere la giusta riabilitazione del compositore ebreo. Eppure un franco confronto con la sua personalità viene tenacemente rinviato, o, come nel caso della ripresa di GERMANIA a Berlino, avviato sotto una cattiva stella. Scopo degli Amici di Franchetti è quello di rendere disponibile la sua fantastica musica perlomeno in CD, tramite delle incisioni effettuate con competenza e professionalità.

Franchetti del resto era un barone un po' eccentrico, però non conservatore, anzi: orientato decisamente a sinistra. Non era un nazionalista, non a caso ha cambiato due volte la sua nazionalità (diventando, tra l'altro, tedesco per ottenere il divorzio dalla moglie Margherita Levi). La sua opera Germania venne accusata da alcune penne giornalistiche di essere arte nazionalista "intedescata", accusa quanto mai immotivata, sebbene in essa vengano affrontati i temi del sentimento patrio e del fanatismo, che sono ben altra cosa dal becero nazionalismo.

Franchetti può tranquillamente, e a ragione, essere posto al pari di Puccini. Rispetto a questi gli mancavano, semmai, quell'indispensabile forza di volontà e quella disciplina senza le quali non è possibile ascendere all'Olimpo. Ma nel confronto con avversari del calibro di Mascagni, Cilea e Leoncavallo è il nostro a svettare. Non a caso fu Franchetti - definito a volte, con totale insensatezza, il "Meyerbeer italiano" - a essere a lungo, pressappoco fino al 1903, il più temuto rivale di Puccini. D'altronde le vite di entrambi non di rado, e talora in maniera addirittura inquietante, ebbero occasione di intrecciarsi. Di questi aspetti mi sono occupato nel mio libro ZWEI UNGLEICHE RIVALEN (Due incomparabili rivali), apparso presso l'editore Elke Heidenreich di Monaco di Baviera.

english

deutsch

français

Da qui si accede gratuitamente a un capitolo.

Se Lei decidesse di aiutare gli Amici di Franchetti saremmo i primi a rallegrarcene. Ogni donatore riceverà, se lo desidera, un CD contenente il "meglio di" Franchetti disponibile al momento. I donatori che desiderassero rimanere anonimi, verranno semplicemente inclusi nel novero degli Amici di Frachetti.

Gli Amici di Franchetti

"Amici di Frachetti" non è un'associazione registrata, bensì, onde evitare complicazioni burocratiche, un comitato d'azione privo di formalità giuridica. Non ci sono né un consiglio direttivo né soci. Chi vuole partecipare è il benvenuto ed entra automaticamente a far parte degli Amici di Franchetti. Il comitato Amici di Franchetti s'impegna per la realizzazione dei seguenti obiettivi:

Franchetti societá

Effettuare un sopralluogo nei teatri d'opera napoletani al fine di ritrovare la partitura di Glauco. Ci sono buone probabilità, infatti, che la partitura di quest'opera, disponibile al momento solo nello spartito per canto e pianoforte, possa essere rinvenuta in qualche archivio. A questo scopo dovrebbe venire finanziato un soggiorno a Napoli della durata approssimativa di due settimane. Costo previsto: circa 1.500 Euro. Ovviamente questo intervento può essere intrapreso solo nel momento in cui l'investigatore venga concretamente messo da parte delle competenti autorità dei teatri d'opera napoletani nella condizione di poter accedere liberamente ai fondi archivistici.
Scrivete a noi:
freundefranchettis@web.de

Esempio musicale Cristoforo Colombo

Esempio musicale Germania: Studenti udite
Le opere Notte di leggenda e Signor di Pourceaugnac, sopravvissute soltanto come spartiti per canto e pianoforte, devono essere ristrumentate da mani abili ed esperte. Costo: circa 20.000 Euro per ogni partitura.
Esempio musicale Glauco

Le opere Asrael e Fior d'Alpe, così come Don Buonaparte, devono essere eseguite in forma di concerto ed edite su CD.
La questione va definita finanziariamente con un teatro d'opera e un'etichetta discografica. Costo: circa 50.000 Euro per ogni opera.

La casa editrice Ricordi dovrebbe garantire la sua adesione al progetto; a questo scopo è necessario avviare un dialogo. Nei giornali e nei periodici europei deve essere dato conto dell'importanza della figura di Franchetti. Il libro di Helmut Krausser su Puccini e Franchetti "Zwei ungleiche Rivalen" deve essere tradotto e pubblicato in quante più lingue è possibile, rinunciando all'occorrenza alle quote di utile.

Berlin 22.3.2011


---